Sessualità: i no negati

“Non sempre è conveniente dire quel che si pensa,

ciò s’impara presto,

ma è spesso necessario il contrario,

il che non lo impariamo mai abbastanza”

Giovanni Soriano


Esprimere i nostri bisogni e le nostre opinioni agli altri non sempre ci risulta facile, a volte perché essere accondiscendenti ci protegge dai conflitti e dalle rotture relazionali, a volte perché ci troviamo  in una posizione di inferiorità, a livello di potere, rispetto ai nostri interlocutori, e il nostro parlar chiaro potrebbe dare vita a delle ripercussioni, altre volte perché non ci sentiamo abbastanza sicuri di noi stessi e di ciò che pensiamo e ci facciamo influenzare dall’esterno.

Tutto ciò accade nelle nostre relazioni di lavoro, familiari, amicali, ma anche di coppia, e spesso la dissonanza tra ciò che si pensa e ciò che si fa, é presente anche nell’ambito della sessualità.

Si fa l’amore anche quando non si vuole: per non deludere il partner, per evitare conflitti, perché il sesso non é solo un piacere ma anche un dovere e almeno ogni tanto ci si deve concedere, perché ci si sente in colpa, e per molti altri motivi che non sono i motivi giusti per stare tra le braccia dell’altro e che spesso producono delle conseguenze sulla relazione.

Infatti, se dire sì quando si dovrebbe dire no, può avere dei risvolti negativi a livello personale (insoddisfazione sessuale, stati emotivi negativi, ecc.), può averne altrettanti sul partner e sulla coppia. Fare l’amore per ragioni negative, anziché positive (reale desiderio) ha delle implicazioni nella soddisfazione di entrambi i partner e non solo del partner accondiscendente, e può ridurre il grado di coinvolgimento di entrambi nella relazione.

Una coppia é formata da due persone che possono avere quote di desiderio differenti: meglio fare l’amore quando lo si vuole davvero, anche se magari un po’ più raramente, che farlo spesso ma svuotando l’atto dalla dimensione del piacere.

Le cose che ci piacciono sono quelle che desideriamo fare liberamente. Un hobby che diventa un dovere perde molto del suo appeal, e la stessa cosa succede quando si sta tra le braccia dell’altro per motivi che sono molto distanti dallo star bene, e i no negati diventano un’abitudine. Quando ciò accade, è importante prendersi cura della relazione, coltivare o riscoprire l’intimità di coppia, anche con un aiuto professionale, se necessario.


BIBLIOGRAFIA

F.Veglia – R.Pellegrini “C’era una volta la prima volta – Come raccontare il sesso e l’amore a scuola, in famiglia, a letto insieme”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.